Il Rompiballe

Andare al teatro Ghione è sempre un “bel vedere”: sia per l’ubicazione dell’edificio:nelle vicinanza del Vaticano (Via delle Fornaci),sia per la qualità e la varietà degli spettacoli che comprendono opere di autori classici e moderni ma anche concerti.

Bellissima e arricchente serata ! Non poteva essere diversamente visto che la programmazione prevedeva niente di meno che “Il Rompiballe”,il cui titolo può anticipare qualcosa. L’autore della commedia è Francis Veber, ritenuto uno dei massimi commediografi europei, autore di numerosi e fortunati lavori come la Cena dei Cretini,il vizietto ecc.

Gli interpreti e protagonisti principali sono Nicola Pistoia e Paolo Triestino, coppia magica,consolidata e collaudata già grazie alla pièce: “La cena dei cretini”. La coppia si è cimentata nuovamente nella regia.

La trama è semplice anche se dà vita ad uno spettacolo travolgente e pieno di colpi di scena. La vicenda si svolge in un albergo dove capitano un prete, che in realtà è un killer russo (riconoscibile dal caratteristico accento),pagato per uccidere e un marito, tradito ed abbandonato dalla moglie, che cerca il suicidio. Il killer per evitare pubblicità e l’intervento della polizia, dissuade il marito tradito dall’atto estremo. Il rompiballe è l’ex suicida che per dimostrare riconoscenza al proprio salvatore dà vita ad una serie di colpi di scena, eventi ed interventi comici, coinvolgenti e leggeri. Veber ha la capacità di tratteggiare magistralmente i personaggi e la maestria di creare sketch esilaranti e divertenti ma mai volgari. Si notano le parole dette e le sfumature (non dette) che ci fanno capire la grandezza di Veber e degli attori che hanno dato il meglio di loro stessi evidenziando in pieno la sapienza, la bravura e lo spirito dell’autore e dell’opera.

Avvolgente la scenografia di Francesco Montanaro, sapienti le luci di Alessandro Nigro, ben riusciti i costumi di Lucrezia Farinella. Non per ultimo naturalmente il cast:

Paolo Triestino è il Prete Killer

Nicola Pistoia è Francois Pignon

Antonio conte è Antoine Martin

Loredana Pidimonte è Louise Pignon

Matteo Mantapero è Fuchs

Alessio Sardelli è il poliziotto.

Un grazie a tutti loro e per voi un invito a recarvi ad assistere allo spettacolo che resterà in programmazione fino al 26 gennaio 2020

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *